Annalisa D’Ascenzo

Vive e lavora a Roma, si è laureata in Lettere e ha conseguito il PhD in Studi storico-geografici.
Attualmente è professore associato presso il Dipartimento di Studi umanistici dell’Università degli Studi Roma Tre. 
Titolare di vari corsi di insegnamento nel CdS in Scienze storiche, è membro del Collegio dei docenti del dottorato in “Storia, territorio e patrimonio culturale” e docente nel Master di secondo livello in “Digital Earth e smart governance: strategie e strumenti GIS per la gestione dei beni territoriali e culturali”. Fa parte del Comitato scientifico del Laboratorio geocartografico “Giuseppe Caraci” organizzando incontri scientifici e divulgativi, mostre e visite di studio, tra cui i Seminari di studi storico-cartografici “Dalla mappa al GIS”.
Membro attivo delle principali associazione geografiche italiane, collabora in particolare con il Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici ricoprendo vari incarichi: attualmente è coordinatrice della sezione “Storia dei viaggi e delle esplorazioni” e direttore responsabile di Geostorie, la rivista del CISGE.
Lavora principalmente sulla cartografia storica come fonte per comprendere, a varia scala, l’evoluzione della conoscenza umana del pianeta, in particolare tra la metà del XV e il XVII secolo. Utilizza le carte storiche per la ricostruzione delle strutture socio-territoriali del passato e la loro evoluzione storica, anche in relazione alle caratteristiche fisiche del territorio e ai fenomeni naturali. Studia le fonti antiche e moderne per analizzare le forme e le reti di trasmissione delle conoscenze geografiche, la diffusione delle informazioni attraverso la letteratura di viaggio, le guide, i testi descrittivi, l’iconografia e la cartografia. La sua produzione scientifica è il risultato della partecipazione a vari gruppi di ricerca, seminari, workshop e conferenze, nazionali e internazionali.